Licenziamento a causa di matrimonio

Licenziamento a causa di matrimonio

Il licenziamento a causa di matrimonio è nullo solo se riguarda la lavoratrice, viceversa non è configurabile alcuna nullità ove colpisca il lavoratore. il diverso trattamento tra uomo e donna, non da luogo a ingiustificate discriminazioni di genere fra lavoratori e  non costituisce un grave vulnus alla libertà di iniziativa imprenditoriale, essendo giustificato dalla necessità di tutelare la maternità costituzionalmente garantita alla donna. Read more “Licenziamento a causa di matrimonio”

Divisione della casa familiare assegnata ad un coniuge, in viirtù del collocamento presso di sè dei figli minori

Divisione della casa familiare assegnata ad un coniuge

Nel giudizio relativo alla divisione della casa familiare assegnata ad un coniuge, in ragione del supremo ed esclusivo interesse dei figli, il valore di mercato dell’immobile, qualora questo venga attribuito al genitore collocatario dei minori, non può essere influenzato dall’assegnazione del godimento della casa coniugale. Read more “Divisione della casa familiare assegnata ad un coniuge”

Impresa familiare: immobile acquistato dal familiare partecipante

Impresa familiare: immobile acquistato dal familiare partecipante

In tema di impresa familiare non opera alcuna presunzione che l’ immobile acquistato dal familiare partecipante, in nome proprio, durante il periodo di esercizio dell’impresa familiare, configuri bene acquistato con gli utili della attività familiare. Di conseguenza, in armonia con i principi generali che governano la ripartizione dell’onere della prova, colui che affermi che l’ immobile acquistato dal familiare partecipante sia stato compiuto con gli utili aziendali è tenuto a fornire la prova del proprio assunto. Read more “Impresa familiare: immobile acquistato dal familiare partecipante”

Pulizia turnaria della scala condominiale

Pulizia turnaria della scala condominiale

La pulizia turnaria della scala condominiale non può essere imposta con delibera a maggioranza. Invero  la decisione che impone ai singoli condomini di occuparsi personalmente, o tramite terzi incaricati e pagati di volta in volta da ciascuno di loro, alla pulizia turnaria della scala  condominiale    non  può essere adottata a maggioranza essendo necessaria l’unanimità per derogare il criterio legale di ripartizione delle spese condominiali. Pertanto in assenza del consenso di tutti i partecipanti al condominio la delibera che impone la pulizia turnaria della scala condominiale è nulla. Read more “Pulizia turnaria della scala condominiale”

Esclusione del bene dalla comunione legale

Esclusione del bene dalla comunione legale

Per l’ esclusione del bene dalla comunione legale non è sufficiente la partecipazione all’atto di acquisto dell’altro coniuge non acquirente. Invero, nell’ipotesi di acquisto di un immobile in costanza di matrimonio da parte di uno dei coniugi in regime di comunione legale, la partecipazione all’atto dell’altro coniuge non acquirente, prevista dall’art. 179, comma 2, c.c. si pone come condizione necessaria ma non sufficiente per l’ esclusione del bene dalla comunione legale.   A tal fine è necessario, non solo il concorde riconoscimento da parte dei coniugi della natura personale del bene, ma anche l’effettiva sussistenza di una delle cause di esclusione del bene dalla comunione legale tassativamente indicate dall’art. 179 c.c., comma 1, lett. c), d) ed f). Read more “Esclusione del bene dalla comunione legale”

Il criterio della autosufficienza economica si applica solo con la sentenza

Il criterio della autosufficienza economica si applica solo con la sentenza

Ai fini del riconoscimento dell’assegno divorzio il criterio della autosufficienza economica si applica solo con la sentenza che dichiara il divorzio, ma non prima. Il nuovo indirizzo giurisprudenziale  di  escludere l’assegno divorzile ogni qualvolta che l’altro coniuge  abbia conseguito o sia in condizioni di conseguire l’autosufficienza economica, non può essere applicato nella fase presidenziale, in quanto il presidente non è chiamato ad anticipare il giudizio sulla sussistenza o meno dei presupposti per il riconoscimento dell’assegno di divorzio,  ma solo a constatare  se nelle more si siano verificati fatti nuovi che consigliano di modificare le previsioni assunte in sede di separazione personale. Read more “Il criterio della autosufficienza economica si applica solo con la sentenza”

Segnalazione alla centrale  rischi Crif

Segnalazione alla centrale rischi Crif

La segnalazione alla centrale rischi Crif  del nominativo di un debitore quale cattivo pagatore è legittima ai sensi della disciplina recata dall’art. 12 del d. lgs. 30 giugno 2003, n. 196 (Codice della Privacy), solo se l’intermediario fornisce la prova dell’avvenuto adempimento (preventivo) dell’obbligo di preavviso della segnalazione stessa. Read more “Segnalazione alla centrale rischi Crif”

Danno da caduta su strada dissestata

Danno da caduta su strada dissestata

Il danno da caduta su strada dissestata non può essere risarcito  se la buca è visibile. Deve essere escluso ogni addebito al comune se il motociclista subisce un danno da caduta su strada dissestata,  quando quest’ultimo ha la concreta possibilità di percepire e prevedere con l’ordinaria diligenza la situazione di pericolo che risulta dall’evidente dall’esistenza di un buca visibile. In tal caso non è configurabile alcuna insidia anzi è imposto alla vittima,  del danno da caduta su strada dissestata, una maggiore attenzione e prudenza.   Read more “Danno da caduta su strada dissestata”

Il beneficiario della polizza vita prevale sul diverso erede testamentario

Il beneficiario della polizza vita prevale sul diverso erede testamentario

Il beneficiario della polizza vita prevale sul diverso erede testamentario. Invero la designazione di un unico erede universale mediante disposizione testamentaria, non incide sull’individuazione contrattuale dei beneficiari della polizza vita nelle persone degli eredi legittimi,  che conservano il diritto alla relativa prestazione, non coincidendo questi ultimi necessariamente con l’unico erede istituito con testamento e non potendosi intendere la designazione testamentaria come una implicita revoca del beneficiario del contratto di assicurazione. Read more “Il beneficiario della polizza vita prevale sul diverso erede testamentario”