Esecuzione del testamento olografo falso

Esecuzione del testamento olografo falso

L’ esecuzione del testamento olografo falso pur se proveniente dagli eredi pretermessi, perché ritenuto conforme alla volontà del de cuius, non comporta la sanatoria del testamento in quanto esso è inesistente e non semplicemente nullo. Dunque non trova applicazione l’art. 590 c.c. secondo il quale la nullità della disposizione testamentaria non può essere fatta valere da chi, conoscendo la causa della nullità, ha, dopo la morte del testatore, confermato la disposizione o dato ad essa volontaria esecuzione. Read more “Esecuzione del testamento olografo falso”

Azione di reclamo dello stato di figlio

Azione di reclamo dello stato di figlio

L’ azione di reclamo dello stato di figlio è l’espressione del diritto  fondamentale di ciascuna persona allo stato di figlio, cioè  all’accertamento formale del suo rapporto di filiazione. Più propriamente l’ azione di reclamo dello stato di figlio è l’azione che mira a far conseguire alla persona il vero stato di figlio non risultante dall’atto di nascita. Read more “Azione di reclamo dello stato di figlio”

Incapacità a succedere per testamento dell’amministratore di sostegno

Incapacità a succedere per testamento dell’amministratore di sostegno

L’ incapacità a succedere per testamento dell’amministratore di sostegno, oltre il quarto grado di parentela, sussiste solo nel caso di amministrazione sostitutiva o mista e non in quella di pura assistenza. Infatti all’amministratore di sostegno, in linea generale, non è preclusa la capacità di succedere per testamento al proprio “assistito”, potendosi configurare un tale limite soltanto con riguardo ai casi di amministrazione mista o sostitutiva, in coerenza con la normativa prevista in tema di tutela. Read more “Incapacità a succedere per testamento dell’amministratore di sostegno”

Rifiuto del test di paternità

Rifiuto del test di paternità

Il rifiuto del test di paternità ( vale a dire delle indagini genetico ematologiche – DNA) da parte del presunto padre del minore costituisce un comportamento valutabile dal giudice, ex art. 116, comma 2, c.p.c. dotato di un valore indiziario tale da consentire, sulla base dello stesso, di ritenere fondata la domanda di dichiarazione giudiziale della paternità. Read more “Rifiuto del test di paternità”