Impossibilità di proporre azione di dichiarazione giudiziale della paternità

Impossibilità di proporre azione di dichiarazione giudiziale della paternità

Nel caso in cui non sussiste l’ impossibilità di proporre azione di dichiarazione giudiziale della paternità, il figlio può agire per ottenere il mantenimento, l’istruzione e l’educazione, e,  se maggiorenne gli alimenti. Questo lo ha voluto il legislatore con l’art. 279 c.c. Read more “Impossibilità di proporre azione di dichiarazione giudiziale della paternità”

Allontanamento dalla casa coniugale

Allontanamento dalla casa coniugale

L’ allontanamento dalla casa coniugale di per sé non è motivo sufficiente  per l’addebito della separazione. Invero l’abbandono del tetto coniugale, pur costituendo la violazione di un dovere matrimoniale, affinché possa condurre all’addebito deve essere la ragione della crisi del rapporto di coniugio e non semplicemente una delle conseguenze della già maturata intollerabilità della convivenza. Read more “Allontanamento dalla casa coniugale”

Tempi di frequentazione padre e figlio

Tempi di frequentazione padre e figlio

L’autorità giudiziaria deve prevedere tempi di frequentazione padre e figlio idonei a garantire, nell’interesse superiore del minore in coerenza con il principio della bigenitorialità, la presenza   (tendenzialmente paritaria) tanto della madre quanto del padre nella vita del figlio in modo di garantirgli una stabile consuetudine di vita e salde relazioni affettive con entrambi.
Read more “Tempi di frequentazione padre e figlio”

La funzione dell’assegno divorzile

La funzione dell’assegno divorzile

La funzione dell’assegno divorzile non è quella di garantire all’ex coniuge economicamente più debole la conservazione del tenore di vita goduto durante il matrimonio, piuttosto quella di riequilibrare la condizione patrimoniale dei coniugi, riconoscendo il ruolo e l’apporto  che il coniuge richiedente l’assegno ha dato alla creazione del patrimonio familiare e quello personale dell’altro coniuge. Read more “La funzione dell’assegno divorzile”

https://avvocatomercuri.com/il-familiare-del-disabile-ha-diritto-di-scegliere-la-sede-di-lavoro/

Il familiare del disabile ha diritto di scegliere la sede di lavoro

Il familiare del disabile ha diritto di scegliere la sede di lavoro non solo nella fase genetica del rapporto di lavoro ma anche nell’ipotesi di domanda di trasferimento proposta dal lavoratore. Specificatamente il familiare del disabile ha diritto di scegliere la sede di lavoro, ove possibile, più vicina al domicilio della persona che necessità di assistenza e non può essere trasferita altrove. Read more “Il familiare del disabile ha diritto di scegliere la sede di lavoro”