La funzione dell’assegno divorzile

La funzione dell’assegno divorzile

La funzione dell’assegno divorzile non è quella di garantire all’ex coniuge economicamente più debole la conservazione del tenore di vita goduto durante il matrimonio, piuttosto quella di riequilibrare la condizione patrimoniale dei coniugi, riconoscendo il ruolo e l’apporto  che il coniuge richiedente l’assegno ha dato alla creazione del patrimonio familiare e quello personale dell’altro coniuge. Read more “La funzione dell’assegno divorzile”

https://avvocatomercuri.com/il-familiare-del-disabile-ha-diritto-di-scegliere-la-sede-di-lavoro/

Il familiare del disabile ha diritto di scegliere la sede di lavoro

Il familiare del disabile ha diritto di scegliere la sede di lavoro non solo nella fase genetica del rapporto di lavoro ma anche nell’ipotesi di domanda di trasferimento proposta dal lavoratore. Specificatamente il familiare del disabile ha diritto di scegliere la sede di lavoro, ove possibile, più vicina al domicilio della persona che necessità di assistenza e non può essere trasferita altrove. Read more “Il familiare del disabile ha diritto di scegliere la sede di lavoro”

Separazione: curatore speciale dei bambini

Separazione: curatore speciale dei bambini

Un  curatore speciale dei bambini può essere nominato nell’ambito del giudizio di separazione, qualora tra genitori e figli si crei un conflitto di interessi,  che può essere emergere nel contegno processuale delle parti che tendano ad impedire al giudice una adeguata valutazione dell’interesse del minore ovvero tendano frapporsi alla libera prospettazione del punto di vista del minore in sede di ascolto da parte del giudice. Read more “Separazione: curatore speciale dei bambini”

Diritto di prelazione del partecipeante allimpresa familiare

Diritto di prelazione del partecipante all’impresa familiare

La legge riconosce il diritto di prelazione del partecipante all’impresa familiare in caso di trasferimento dell’azienda. Invero una volta accertata la collaborazione nell’impresa familiare, è sufficiente che vi sia “trasferimento di azienda” affinché il partecipe debba essere messo nelle condizioni di esercitare il proprio diritto di prelazione. Read more “Diritto di prelazione del partecipante all’impresa familiare”

Divisione della casa familiare assegnata ad un coniuge

Divisione della casa familiare assegnata ad un coniuge

Nel giudizio relativo alla divisione della casa familiare assegnata ad un coniuge, in ragione del supremo ed esclusivo interesse dei figli, il valore di mercato dell’immobile, qualora questo venga attribuito al genitore collocatario dei minori, non può essere influenzato dall’assegnazione del godimento della casa coniugale. Read more “Divisione della casa familiare assegnata ad un coniuge”

Impresa familiare immobile acquistato dal familiare partecipante

Impresa familiare: immobile acquistato dal familiare partecipante

In tema di impresa familiare non opera alcuna presunzione che l’ immobile acquistato dal familiare partecipante, in nome proprio, durante il periodo di esercizio dell’impresa familiare, configuri bene acquistato con gli utili della attività familiare. Di conseguenza, in armonia con i principi generali che governano la ripartizione dell’onere della prova, colui che affermi che l’ immobile acquistato dal familiare partecipante sia stato compiuto con gli utili aziendali è tenuto a fornire la prova del proprio assunto. Read more “Impresa familiare: immobile acquistato dal familiare partecipante”

Esclusione del bene dalla comunione legale

Esclusione del bene dalla comunione legale

Per l’ esclusione del bene dalla comunione legale non è sufficiente la partecipazione all’atto di acquisto dell’altro coniuge non acquirente. Invero, nell’ipotesi di acquisto di un immobile in costanza di matrimonio da parte di uno dei coniugi in regime di comunione legale, la partecipazione all’atto dell’altro coniuge non acquirente, prevista dall’art. 179, comma 2, c.c. si pone come condizione necessaria ma non sufficiente per l’ esclusione del bene dalla comunione legale.   A tal fine è necessario, non solo il concorde riconoscimento da parte dei coniugi della natura personale del bene, ma anche l’effettiva sussistenza di una delle cause di esclusione del bene dalla comunione legale tassativamente indicate dall’art. 179 c.c., comma 1, lett. c), d) ed f). Read more “Esclusione del bene dalla comunione legale”